PROFESSIONISTI SI DIVENTA…..NON SI NASCE!

 

La crisi di cui tanto si parla è stata un’occasione di cambiamento per molte persone. Questa sarebbe un’eccellente notizia se al cambiamento si fossero uniti: formazione, informazione, crescita e voglia di lavorare costruendo un presente ed un futuro efficiente.

Ma…la vignetta che oggi vi propongo è la sintesi del momento attuale: l’improvvisazione.

La mancanza di posti di lavoro sicuri, ammesso siano mai esistiti, ha permesso il proliferare di persone improvvisate nelle professioni più disparate. Sono nati eserciti di Consulenti di ogni genere, Formatori di ogni pensiero, Costruttori di siti web, Giornalisti, e l’elenco potrebbe anche essere lungo.

L’uso della lingua inglese ha permesso la banalizzazione di alcune professionalità importanti. Per esempio, essere Storyteller, oppure Ghostwriter, professioni rare, relegate a pochi professionisti, oggi banalizzate dalla molteplicità dei dichiaranti: sono uno storyteller. Ah bene, e che storia racconti?

Sono un Consulente, consulente in cosa? La moda del momento propone: sovraindebitamento, debito, finanziaria, consulente di formazione, consulente di cosa???? Poche ore di informazione e si pensa di essere in grado di togliere dalle pesti persone o aziende con problematiche importanti. Si pensa che dare Formazione sia banalizzare il concetto di mente – pensiero.

E ne sento tanti, veramente tanti, troppi!!

L’articolo di oggi vuole essere un invito alle persone che vogliono misurarsi con una nuova professione, a formarsi, con corsi seri,  materiali adeguati e magari, fare esperienza presso aziende accreditate prima di buttarsi nella mischia del mercato.

Prima di fare molti danni a Clienti ed a Professionisti che da anni svolgono la loro professione molto eticamente  e con fatica.  Pensate seriamente a cosa volte fare della vostra vita, ma soprattutto, cosa non volte fare della vita delle persone che incontrate.

E del vostro domani!

#siatecuriosi